Ernesto Lama dà vita a uno spettacolo unico

Locandina-Caserta-2-copia-esecutivo-stampa

Con il terzo stage di Teatro, il primo prodotto dalla scuola Talia e gli altri due prodotti dalla cooperativa Gli Ipocriti presso il Teatro comunale di Caserta, il Maestro Lama che festeggia i 35 anni di carriera, mette in luce tutto il suo talento da “fuoriclasse” e questa volta il pubblico l’ha potuto apprezzare anche in veste di direttore d’orchestra, dando vita a uno spettacolo che è frutto di un lungo mese di lavoro durante il quale i partecipanti allo stage hanno potuto riflettere sull’importanza di far teatro oggi. A questo viaggio fatto di parole e musica hanno preso parte grandi del teatro come Aurelio Gatti e Paolo Sassanelli.

“Il teatro è un rettangolo folle che affascina ma non è comodo”. In questa rappresentazione egli ancora una volta esalta la figura femminile in tutte le sue sfumature.

Qui si sposano alla perfezione il sacro e il profano e dove l’interpretazione di tutti e trenta gli artisti è meravigliosa, bellissime sono le coreografie di Carlotta Bruni che ha messo in scena una “rumba dello scugnizzi” ricca di sensualità, visceralità e poesia.

Bravissimi tutti componenti dell’orchestra: Aniello Palomba, Luigi Sigillo, Giuseppe di Capua Eduardo Robbio e Riccardo Schmitt.

Questo è uno spettacolo insolito e geniale dove si passa da “Bella ciao” a “Ragione e sentimento”; è un collage che dà prova della bravura del suo autore che istrionicamente passa dalla regia alle scene dando vita a una perla unica nel suo genere, è capace di conquistare la mente dello spettatore con le sue musiche e i suoi guappi di cartone. Degno di nota è anche l’omaggio ad una grande della canzone napoletana, Angela Luce, con un pezzo ironico “Fresca Fresca”

Quando il sipario cala e le luci si spengono nella testa dello spettatore rimane come un piacevole e intenso sottofondo, come un amore, un amore tragico che resta nella testa e sulla pelle dei protagonisti.

Il gruppo di Varietà è composto da attori bravissimi ma su tutti spiccano: Gioia Miale e Martina Giordano, Francesco Rivieccio, Vincenzo Iengo e Laura Pagliara E’ una rappresentazione che è tornata in scena lo scorso 7 Settembre in un luogo suggestiva e ricco di fascino come il teatro Della Torre di Caserta nella rassegna Settembre al Borgo.

Eleonora De Martino